Advertising su Smartphone: investimenti oltre il miliardo di euro nel 2017

Advertising su Smartphone: investimenti oltre il miliardo di euro nel 2017

Se gli italiani con più di 18 anni che accedono al web ogni mese sono 31 milioni, il 42% dei cosiddetti “mobile surfer” fa acquisti usando esclusivamente i dispositivi mobile. Questo è quanto rilevato da un’indagine degli Osservatori Digitali del Politecnico di Milano basata su un campione di base di 1000 Mobile Surfer.

Una mole importante di dati, al punto da far parlare di Mobile commerce e non più semplicemente di E-commerce, che diventa una macro categoria del fenomeno. Di conseguenza, le imprese che si occupano di advertising su Smartphone crescono a doppia cifra, ovvero del +49% superando il miliardo di euro di fatturato.

Ecco perché non puoi più permetterti di non ottimizzare il tuo sito web per il mobile

L’aumento esponenziale delle vendite e degli acquisti online tramite smartphone ha di fatto rivoluzionato la relazione tra consumatori e aziende, anche se l’importanza di avere un sito ottimizzato per il mobile non è ancora stata recepita in pieno, anzi.

Infatti, in base ai dati le aziende che non si sono ancora adeguate tecnicamente alla ricezione di contenuti in modalità mobile sono una su 25. E parliamo di aziende dal fatturato alto, non di piccole realtà imprenditoriali.

Un aspetto interessante che emerge è che tra le aziende, 9 su 10 hanno sviluppato un’applicazione mobile per offrire servizi ai propri clienti: ma non basterebbe semplicemente ottimizzare il sito per mobile?

Sito non ottimizzato? Gli utenti fuggono

Basta pensare che, il 46% dei Mobile surfer, ha preferito acquistare su siti di altri Brand a causa di problemi di usabilità. Questo vuol dire perdere occasioni per vendere sul web. L’e-commerce è prima di tutto un’esperienza di navigazione, poi, subito dopo, viene la conversione finale, cioè la vendita vera e propria. Anche questa, soggetta ad una serie di attenzioni e feedback rivolte all’utente-consumatore finale.

Il punto di domanda che emerge da questi dati è proprio questo e verte, appunto, sull’adeguamento tecnologico delle aziende alle esigenze espresse del mercato. Essere pronti per ricevere le sessioni di navigazione degli utenti offrendogli ciò che cercano e adeguando i dispositivi è quello che ogni azienda dovrebbe mettere in cantiere da qui ai prossimi mesi, per non perdere importanti quote di mercato.

Fonte infografiche: Osservatori Digitali del Politecnico di Milano


Pubblicato in: e-commerce, infografiche, Statistiche il 23/02/2018