Google AdWords: perché la tua azienda non può farne a meno

Google AdWords: perché la tua azienda non può farne a meno

Google AdWords è il servizio che il colosso californiano mette a disposizione dei propri utenti per raggiungere il maggior numero di persone possibili. Perché una campagna pubblicitaria sia veramente efficace però, occorre assicurarsi che si posizioni in maniera ottimale sia sui siti internet che sulla pagina di ricerca del motore di Google.

Vediamo allora quali sono i segreti per realizzare campagne pubblicitarie che catturino l’attenzione del lettore, sia che si tratti di un utente che visita un sito o un blog, sia che invece si tratti più semplicemente di qualcuno che effettua una ricerca online. Ognuna di queste situazioni prevede strategie diverse e solo un’attenta analisi dei risultati che si vogliono conseguire potrà dar vita ad una campagna veramente efficace. Se l’obiettivo principale è quello di raggiungere utenti attraverso il motore di ricerca di Google sarà necessario dar vita ad una campagna Search, ovvero creare un messaggio di solo testo che ponga una particolare attenzione alle keywords, mentre se l’annuncio è destinato ad apparire sui vari siti, l’orientamento dovrà essere rivolto verso una campagna Display.

Come ottenere l’attenzione dell’utente con una campagna Search

Come abbiamo già detto, una campagna Search può contenere solo messaggi di testo. Non è infatti possibile inserire all’interno dell’annuncio che comparirà sulle SERP immagini, video o altre animazioni. Ogni volta che immettiamo su Google alcuni termini riferiti alla cosa che ci interessa, questo propone una pagina (definita SERP) con i risultati relativi al termine da noi inserito. Nelle primissime posizioni è possibile trovare quegli annunci sponsorizzati, riconoscibili da un piccolo rettangolo giallo su cui è scritta la parola “Ann”. Sono proprio questi gli annunci pubblicitari che appaiono grazie a Google AdWords.

Considerato che l’attenzione del lettore viene spesso catturata dai primi tre/quattro risultati proposti dal motore di ricerca, è facile capire quanto una buona campagna Search possa effettivamente dare risultati ottimali. Il testo proposto al lettore dovrà poi parlare ovviamente del prodotto o del servizio che intendiamo promuovere, con una particolare attenzione alla scelta delle keywords, che dovranno sempre essere correlate a ciò che offriamo. Ogni parola chiave ha un suo costo, variabile in funzione di molti fattori tra cui la concorrenza. In generale possiamo affermare che una keyword maggiormente richiesta avrà inevitabilmente un costo maggiore.

Una campagna Display: scegliere il proprio target

Con appositi strumenti è possibile creare annunci di testo o visivi che compariranno poi sui vari siti internet. La particolarità di questa campagna consiste nella possibilità di scegliere il proprio target, ovvero il tipo di utente a cui vogliamo far giungere il nostro messaggio. Impostando una determinata fascia d’età, il sesso, la zona geografica o altri dati sarà possibile scegliere dove vogliamo far vedere il nostro annuncio.

Il prezzo della campagna sarà dato dal numero di click ricevuti o di impression, sempre all’interno di una cifra massima stabilita dall’inserzionista, che potrà decidere il costo per ogni click (CPC) oppure quello per mille visualizzazioni (CPM ovvero costo per mille impression). La Campagna Display, infatti, consente di scegliere tra le due diverse opzioni, mentre invece per una campagna Search è possibile solo optare per il CPC, ovvero il costo per ogni click ricevuto.


Pubblicato in: Web advertising il 11/10/2018

Privacy Preference Center

Necessari

Obbligatorio - non può essere deselezionato. I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

Marketing

a) Monitoraggio conversioni di Facebook Ads (Facebook, Inc.) Il monitoraggio conversioni di Facebook Ads è un servizio di statistiche fornito da Facebook, Inc. che collega i dati provenienti dal network di annunci Facebook con le azioni compiute all'interno di questa Applicazione. Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Luogo del trattamento: USA.

b) Monitoraggio conversioni di Google AdWords (Google Inc.) Il monitoraggio conversioni di Google AdWords è un servizio di statistiche fornito da Google Inc. che collega i dati provenienti dal network di annunci Google AdWords con le azioni compiute all'interno di questa Applicazione.
Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA

c) Hotjar Heat Maps & Recordings (Hotjar Ltd.) Hotjar è un servizio di heat mapping e di registrazione delle sessioni fornito da Hotjar Ltd. Dati Personali raccolti: Cookie, Dati di Utilizzo e varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio.
Luogo del trattamento: Malta

d) Google Analytics I siti del Titolare includono anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i "cookie" per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo dei siti web del Titolare (compreso l'indirizzo IP dell'utente). Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato: https://www.google.it/policies/privacy/partners/
L'utente può disabilitare in modo selettivo l'azione di Google Analytics installando sul proprio browser la componente di opt-out fornito da Google. Per disabilitare l'azione di Google Analytics, si rinvia al link di seguito indicato: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato (“proprietari”), sia da siti gestiti da altre organizzazioni (“terze parti”). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei “social plugin” per Facebook, Twitter e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.

Statistici

Registra un ID univoco utilizzato per generare dati statistici su come il visitatore utilizza il sito internet, utilizzato da Google Analytics per limitare la frequenza delle richieste

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

Preferenze

Permettono l'autorizzazione del cookie tra più siti web e ricordano la versione linguistica selezionata dall'utente.

I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi