Come dare valore al tuo Brand con lo Storytelling Aziendale

Come dare valore al tuo Brand con lo Storytelling Aziendale

Hai mai visto una pubblicità dell’Ikea? Cosa ti trasmette? Se tra le risposte c’è il senso della quotidianità familiare, il calore e l’accoglienza della casa, allora hai già capito come lo storytelling aziendale può aumentare il valore di un marchio.

Infatti, le pubblicità dell’Ikea sono concepite proprio per veicolare il concetto di “casa” nel senso pieno della parola. Casa come luogo accogliente, spazio vitale dove condividere il proprio quotidiano e in cui gli arredi della famosa multinazionale svedese diventano la scenografia perfetta per una pantomima che si ripete ogni giorno.

Pubblicità come il cinema: un racconto che crea valore mettendo al centro l’attore-prodotto

La pubblicità persegue lo stesso obiettivo del Cinema: l’identificazione con lo spettatore che punta, in questo caso, anche e soprattutto a riconoscersi nell’ambiente in cui si svolge la scena; gli arredi Ikea, appunto, i veri attori protagonisti della scena.

Stimoli emotivi e idee alla base dello Storytelling

Non è solo Ikea ad aver costruito un’immagine sullo storytelling aziendale, ma tutte le aziende forti e ben posizionate sul mercato mirano a questo (Vedi Apple o Lego). Il perché è presto detto.

Oggi non basta essere dei Brand colossali per conquistare a priori il cuore e quindi il portafogli dei consumatori. Ci vuole una strategia di comunicazione precisa e costruita intorno ad un’idea. Da un’idea possono nascere, poi, tanti “figli”, ovvero si può fare in modo che il racconto sia diviso in più capitoli. Quello che conta è arrivare al target, cioè al proprio pubblico e magari allargarlo sulla scia di stimoli emotivi ben delineati.

„La pubblicità non sceglie per nessuno. Permette di scegliere meglio. E basta.“ Jacques Séguéla

Racconta la tua azienda, emoziona e aumenta la tua audience

Lo storytelling aziendale, in sostanza, ti serve per raccontare la tua azienda, unendo il modo tradizionale del racconto vero e proprio (quindi la storia, l’intreccio, la “fabula”, gli aneddoti, le emozioni) con le nuove tecnologie. In pratica, si tratta di valorizzare l’aspetto storico di un’azienda, di metterne in risalto le peculiarità e i valori veicolandoli sapientemente, con i media e gli strumenti adatti. Che sono Sito Web, Blog, social Network, Copywriting efficaci e persuasivi, video, stories (quelle che oggi imperversano su Instagram e Facebook per intenderci), solo per citare i principali.

Ecco in tre punti perché la tua azienda non può fare a meno dello storytelling:

    1. per creare un’identità del tuo brand. Bisogna capire a quale aspetto della tua azienda dare valore e veicolarlo nel migliore dei modi e al target giusto;

     

    1. per costruire una community di riferimento che si riconosca nei tuoi valori e se possibile allargarla con il passaparola;

     

    1. arrivando al target giusto potrai definire in maniera strategica la tua offerta commerciale aumentando le vendite.

Se questi tre motivi non bastano, ti facciamo una domanda: hai mai acquistato un prodotto perché influenzato dalla pubblicità?

Sicuramente risponderai di sì.

Altra domanda: se la pubblicità che ha influenzato il tuo acquisto non ti avesse colpito ed emozionato nel profondo, quindi convincendoti, avresti comprato lo stesso quell’oggetto?

Un buon racconto, che si esprima in termini di pubblicità classica o sia veicolato sul web nelle varie declinazioni mediatiche (social, blog, video, contest, ecc.) può persuaderti a comprare qualcosa che neanche ti serve. E convincerti. Ecco dov’è la differenza.

Qualunque sia il core business della tua azienda ci sarà sempre un pubblico interessato a ciò che proponi, e quindi predisposto all’acquisto.

Ciò che conta è riuscire a raccontare con intelligenza e creatività quello che fai e che sei, come azienda. Ecco perché è importante affidarti allo storytelling Aziendale, evitando di improvvisare ma avvalendoti delle giuste competenze, in grado di aiutarti in questo percorso.


Pubblicato in: Content Marketing il 05/11/2018

Privacy Preference Center

Necessari

Obbligatorio - non può essere deselezionato. I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

Marketing

a) Monitoraggio conversioni di Facebook Ads (Facebook, Inc.) Il monitoraggio conversioni di Facebook Ads è un servizio di statistiche fornito da Facebook, Inc. che collega i dati provenienti dal network di annunci Facebook con le azioni compiute all'interno di questa Applicazione. Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Luogo del trattamento: USA.

b) Monitoraggio conversioni di Google AdWords (Google Inc.) Il monitoraggio conversioni di Google AdWords è un servizio di statistiche fornito da Google Inc. che collega i dati provenienti dal network di annunci Google AdWords con le azioni compiute all'interno di questa Applicazione.
Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento: USA

c) Hotjar Heat Maps & Recordings (Hotjar Ltd.) Hotjar è un servizio di heat mapping e di registrazione delle sessioni fornito da Hotjar Ltd. Dati Personali raccolti: Cookie, Dati di Utilizzo e varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio.
Luogo del trattamento: Malta

d) Google Analytics I siti del Titolare includono anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i "cookie" per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo dei siti web del Titolare (compreso l'indirizzo IP dell'utente). Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato: https://www.google.it/policies/privacy/partners/
L'utente può disabilitare in modo selettivo l'azione di Google Analytics installando sul proprio browser la componente di opt-out fornito da Google. Per disabilitare l'azione di Google Analytics, si rinvia al link di seguito indicato: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato (“proprietari”), sia da siti gestiti da altre organizzazioni (“terze parti”). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei “social plugin” per Facebook, Twitter e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.

Statistici

Registra un ID univoco utilizzato per generare dati statistici su come il visitatore utilizza il sito internet, utilizzato da Google Analytics per limitare la frequenza delle richieste

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

Preferenze

Permettono l'autorizzazione del cookie tra più siti web e ricordano la versione linguistica selezionata dall'utente.

I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi